Olio di mandorle

Descrizione

L’olio di mandorle è ottenuto da Prunus dulcis (Miller) D.A. Webb var. dulcis o da Prunus dulcis (Miller) D.A. Webb var. amara (D.C.) Buchheim, o dalla miscela dei due. Si ottiene (olio di mandorle spremuto a freddo) dai semi maturi spremuti a freddo di questi alberi o per estrazione, seguita immediatamente dalla raffinazione (olio di mandorle raffinato).

I mandorli originari sono una pianta estremamente antica coltivata nella regione mediterranea (varietà europea). La seconda area coltivata per grandezza (varietà americana) è quella degli Stati Uniti, principalmente in California. Il contenuto di olio nelle mandorle è del 47-61%. Le mandorle sono utilizzate per la produzione di olio, poiché non contengono sostanze che stimolano il gusto amaro (e tossico). L’olio di mandorle, Oleum amygdalarum dulclim verum, è pallido (prodotto raffinato) o giallo scuro (prodotto spremuto a freddo). Ha una bassa viscosità e un sapore delicato. È un olio grasso chiaro con un odore caratteristico, formato principalmente da acido oleico e linoleico. L’olio è fotosensibile e, pertanto, deve essere conservato in un luogo buio. L’olio di mandorle è usato raramente come olio da tavola. Nel settore alimentare, questo prodotto viene utilizzato solo in pasticceria (mandorle). I principali consumatori di olio di mandorle sono quelli del settore cosmetico (prodotti per la cura dei cosmetici) e della medicina (aromaterapia, olio per massaggi).

Scarica

Olio di mandorle, spremuto a freddo

Fogli di sicurezza Specificazione

Olio di mandorle, raffinato

Fogli di sicurezza Specificazione

Olio di mandorle, raffinato Ph. Eur.

Fogli di sicurezza Specificazione

Olio di mandorle, biologico

Fogli di sicurezza Specificazione

Olio di mandorle, grezzo Ph. Eur.

Fogli di sicurezza Specificazione
Quota